Casa del Disco

Casa del Disco

Corso Mazzini 38
48018 Faenza (RA)
Trovaci su Google Maps

Orari di apertura

giovedì, venerdì e sabato
dalle 10.00 alle 13.00
e dalle 15.30 alle 19.30
oppure su appuntamento

Prodotti

Servizi

Rassegna Stampa

un blog inglese parla di noi

Questo è uno dei migliori articoli su un negozio di dischi che io abbia mai letto. Non perché parla di noi, sia mai, ma per un solo motivo: spiega come si alimenta oggi un negozio, qual è la fonte del guadagno (nel nostro caso: non specializzazione ma differenziazione specializzata o “multinicchia”).
Non si perde in discorsi nostalgici o sui casi limite, ma, da buon inglese, va dritto al sodo del mercato discografico: cita il direttore del negozio Rough Trade, riporta dati di fatto su fenomeni inglesi, linka alcuni articoli più che interessanti sull’argomento. Ecco.
Martin ci ha chiesto una breve intervista perché da anglo-romagnolo tiene un blog dove parla di musica, arte e dissertazioni sulla vita.
L’intero articolo a questo link: http://mraybould.wordpress.com/2011/05/19/do-we-still-need-record-stores/

Grazia.it parla di noi

Vi segnaliamo a guance arrossate che il webmagazine appena rinnovato di Grazia.it ci ha fatto un’intervista in occasione del Record Store Day e perché siamo donne. Un ringraziamento speciale alla giornalista Marina Pierri, già “factotum”di Vitaminic.it e giornalista musicale su note riviste italiane. Il link all’articolo.

un riassunto di noi

(immagine realizzata per la rivista mensile Gagarin di febbraio grazie all’aiuto grafico di Simone Savini)

Anna Zylicz e le cdbag su Gagarin

Questa mattina è arrivata la mitica fattorina di Gagarin, il free press romagnolo di cui siamo punto G per la sottoscrizione degli abbonamenti. Bello bello, apriamo, sfogliamo, da cima a fondo per avere una panoramica veloce sul luglio che ci aspetta di concerti, spettacoli, feste, lavoro, curiosità, etc. ma non vediamo. Solo alla seconda e più cauta sfogliata notiamo che a pagina 61 c’è un bellissimo articolo sulle CD-BAG e i porta-iPod della nostra Anna Zylicz.
Ne avevamo parlato poco più di un mese fa in un passato post, ma ve le riproponiamo qui, alla luce di questa inaspettata attenzione. I più pigri possono scaricare Gagarin di luglio dal sito www.gagarin-magazine.it e correre (con la freccetta) a pag. 61. Ora è il caso di prendersi un po’ di tempo e leggerlo tutto.